You are now being logged in using your Facebook credentials

Settanni Gerardo Vieste 2017i

 

Ancora una volta, nel dopo gara della bellissima e impegnativa Mezza Maratona dei Trabucchi a Vieste, mi è stata posta la domanda: “Ma come fai a correre senza cronometro e mantenere un ritmo di corsa costante?” (in effetti, solo 1” di differenza della media tempo/km fra il rilevamento all’11° e quello al 21° km).

 

Questa la risposta: devo tanto a quando (circa 25 anni fa) ho cominciato, anche nella corsa, ad applicare le pratiche apprese nella mia esperienza di psicologo clinico.  Presenza mentale, autoconsapevolezza nel qui e ora, grounding, corsa zen…. tanti sono i termini che si possono usare, ma oggi in Psicologia dello Sport il termine condiviso si chiama “flow” e si utilizza in tutte le discipline sportive. Molti runners d’esperienza, più o meno inconsapevolmente già praticano parzialmente questo tipo di corsa, ma tantissimi ancora no; un indicatore utile può essere il tempo medio a km misurato nella suddetta gara; i rilevamenti all’11° e al 21° km in molti atleti differiscono sensibilmente, nonostante quasi tutti potessero avvalersi del proprio cronometro; anzi, inseguire troppo il cronometro può addirittura compromettere la prestazione stessa.

 

In pratica il flow ci permette di sincronizzare completamente mente e corpo, permettendoci di utilizzare al meglio le nostre risorse psicofisiche, tanto da rendere superfluo avere con sé un cronometro. Tutti, attraverso una adeguata preparazione psicofisica e con la supervisione dello Psicologo dello Sport, possono imparare questo modo di correre, che, specialmente nelle medie e lunghe distanze, si rileva determinante per migliorare non solo la prestazione ma anche il piacere di correre.

 

 

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti