You are now being logged in using your Facebook credentials

L'affascinante borgo storico di Offida, centro agricolo ed industriale situato sulle colline tra le valli del Tesino e del Tronto, ha ospitato la 15^ edizione della Maratonina del Serpente Aureo, gara podistica di 10 chilometri, valida per il Gran Prix di corsa su strada Master Fidal Marche, per il CRM, oltre che per il  Criterium Piceni & Pretuzi, con il ritorno al vecchio percorso di due anni orsono, con partenza ed arrivo dalla storica Piazza del Popolo, tra lo splendido Palazzo Comunale, con torre del XIV secolo e la settecentesca Chiesa della Colleggiata.

 

La manifestazione, organizzata dall' Atletica Avis Offida, è stata anticipata nel primo pomeriggio dal 3° "Trofeo Avis Road Run", incontro di corsa su strada per rappresentative regionali ragazzi e cadetti di Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio, valido anche come 4^ prova del Gran Prix Marche di corsa giovanile. Sui vari circuiti da 1,5 a 2,5 chilometri si sono imposti i giovani del Lazio con le vittorie individuali di  Edoardo Pretara (Abruzzo) e Francesca Vallorani (Marche) tra i cadetti; Stefano Feliziani (Umbria) e Sofia Terrinoni (Lazio) tra i ragazzi.

 

Il tardo pomeriggio, fresco e ventilato, con temperatura ideale per la corsa, ha visto partire i circa 300  agonisti della dieci chilometri che hanno affrontato gli impegnativi saliscendi della cittadina picena in un circuito che si snodava tra le antiche mura medioevali di uno dei borghi più belli d'Italia, per poi proseguire, dopo aver riattraversato Piazza del Popolo, fuori dalle mura cittadine in direzione nord verso Contrada Tesino fino a raggiungere la parte più panoramica della cittadina con la vista della catena montuosa degli Appennini e delle vallate intracollinari che si spingono fino al mare Adriatico, per rientrare successivamente nel centro storico da contrada San Lazzaro, attraverso Via della Repubblica. 

 

Ha vinto con facilità il giovane professore di educazione fisica dell'Atletica Recanati, Marco Campetti, in 32' 50' davanti all'osimano Mattia Franchini (34'03") ed all'abruzzese Francesco Raia (34'13").  

 

Senza storia anche la gara femminile dove si è registrato l' ennesimo successo della veterana Marcella Mancini (39'10"), sulle pari età Francesca Capobelli (40'00") e Katia De Angelis (41'24").

 

Un buona ed efficiente organizzazione ha contraddistinto questo particolare evento podistico che ha offerto ai partecipanti anche una deliziosa cena post-gara, di riscontro si sono registrati degli strani "crono" e piazzamenti di categoria al traguardo di atleti che solitamente "camminano veloci" piuttosto che correre...

 

Ormai, dopo tanti anni, abbiamo "fatto il callo” anche a questo: qualcuno a casa berrà dell'ottimo vino vantandosi con amici che non sapranno mai di tracannare nettare rubato indebitamente ad altri, che pazientemente subiscono e rispondono coltivandosi in proprio due filari di tralci e tre pergolati di uva pecorino e sangiovese, ottenendo vino “puro” che è più buono da gustare e offrire!

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti