You are now being logged in using your Facebook credentials

Courmayeur Gran Trail Courmayeur 2015

 

SERVIZIO FOTOGRAFICO - La parola d’ordine spontanea è stata “grazie”. Grazie ai concorrenti dei venti Paesi partecipanti alle tre prove del Gran Trail Courmayeur 2015. Grazie dei partecipanti agli organizzatori e alla Valle d’Aosta in senso lato perché tutto è andato secondo le migliori aspettative: tracciati tecnici e sicuri anche nei tratti più impegnativi, assistenza costante e accurata e volontari, come al solito, insuperabili. Poi la natura valdostana ci ha messo del suo, con panorami, ambienti e territori davvero unici. Così hanno sottolineato molti stranieri al traguardo, per la prima volta in Valle proprio attratti dal Gran Trail Courmayeur.
Al debutto in regione, per esempio, è stato il primo vincitore di giornata, ovvero Saverio Monti, valtellinese di Morbegno (Sondrio), che si è aggiudicato la prova di 60 chilometri.
“Mai stato prima da queste parti, davvero affascinante, e un bel modo per festeggiare il mio 31° compleanno in arrivo fra pochi giorni”. Monti ha trovato un ottimo mix di natura e tecnica sportiva. “Ho corso concentrato, proprio perché non conoscevo il territorio, ma ho anche avuto molte occasioni di guardarmi intorno e vedere luoghi suggestivi e questo è quello che i grandi Trail devono offrire”. Monti ha preceduto sul podio Kevin Houlne e Cristophe Le Saux, atleta francese che in Valle d’Aosta è ormai di casa.
Prima nella categoria femminile è stata Morgane Cretton, fortissima atleta di Chamonix, che ha preceduto due italiane, Nicoletta Passuello e Lorenza Bernardi.
Ancora un lombardo, questa volta lecchese, sul podio della 30 chilometri. E’ il ventisettenne Carlo Conti, che in Valle aveva partecipato solo al Trail del Monte Avic. Anche Conti è rimasto impressionato dalle bellezze, definite “sorprendenti”, del territorio, dall’impegno del percorso e dall’efficienza organizzativa. Alle sue spalle, sul podio, una coppia affiatatissima, Paolo Pajaro e Lisa Borzani, padovani, compagni anche nella vita oltre che nello sport. La Borzani è stata la seconda donna classificata al Tor des Geants 2014 e sarà in gara anche nell’edizione 2015. Seconda runner nella classifica femminile della 30 chilometri, Carla Corti, che ha preceduto sul podio Cornelia Froideveaux.
La prova più lunga, la 90 chilometri, snodatasi tra Valdigne, Val Veny e Val Ferret, e che si è conclusa questa mattina (domenica) con l’arrivo degli ultimi concorrenti che dunque “hanno passato la notte fuori”, è stata appannaggio di una coppia illustre, composta dal valdostano Giuliano Cavallo, che col primo gradino del podio del Gran Trail Courmayeur ha fatto una specie di abbonamento, e dallo svizzero del Canton Ticino Marco Gazzola, anche lui di casa in Valle d’Aosta. Gazzola arrivò primo in un’edizione del Tor des Geants ma venne tolto dalla classifica per un errore di percorso negli ultimi chilometri. Questo non ha certo limitato il suo affetto per la Valle; affetto assolutamente ricambiato.
La 90 km non era certo una gara a coppie ma i due vincitori a pari merito hanno praticamente corso l’intero tracciato uno di fianco all’altro e hanno tagliato appaiati il traguardo. Al terzo posto Mathieu Motsch.
Prima delle “amazzoni in scarpe da trail” Helle Skeio, proveniente da un Paese senza montagne, la Danimarca, ma residente in provincia di Varese, dove occasioni di far salite e discese non mancano. La bionda vincitrice ha preceduto sul podio femminile Paola Marciandi e Clara Dealberto.
Oggi pomeriggio premiazioni e gran festa di gruppo, poi tutti a casa. Molti però saranno di nuovo in valle nei fine settimana successivi, per sessioni di allenamento. Settembre, in cui si corre il Tor Des Geants, è praticamente alle porte.

facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti