You are now being logged in using your Facebook credentials

Marca e Modello

Asics Gel Kayano20

Categoria :

A4 (Stabili)

Peso Verificato :

325gr / Peso dichiarato XXXgr (Taglia Eur 42,5)

Prezzo di Listino :

179,00 Euro

Il parere in un Flash

Un Organismo Geneticamente Modificato
Questo è quello che ci si trova di fronte osservando e calzando la GK20.
Il confronto con la già ottima GK19 porta ad osservare una linea ancora più filante e meno spigolosa con loghi a filo tomaia, inserti ammortizzanti e gel ben celati, finiture sempre di ottimo livello.

Il gene che si evolve di più è però quello della risposta. Sempre più reattiva molto sincera e con un grande feeling verso il terreno. Le caratteristiche antipronazione virano dalla sensazione di stabilità indotta (tipica di una A4 classica e delle vecchie versioni della GK) verso un supporto non invasivo ma sempre presente. Percepibile soprattutto quando, dopo tanti km, i muscoli del piede coinvolti nella corsa (soprattutto l’arco plantare)   non garantiscono più il necessario supporto.)

Primo contatto

Al primo contatto non sembra di calzare una A4
La spinta sull’arco plantare è veramente limitata. Delizia per i pronatori moderati.
Si avverte quasi di più la sinuosa curvatura del gel in avampiede rispetto al supporto antipronazione.

Lo spazio in zona anteriore si è leggermente ristretto (…non troppo) rispetto alla GK19. La sensazione in avampiede è di calzare la DS Trainer. Dita guidate ma mai compresse. Un velo di vaselina tra le dita per le prime uscite potrebbe essere consigliato.

Sempre ottima l’allacciatura Asics con stringhe caratterizzate da un sezione voluminosa che garantisce nodi sicuri e slegature mai laboriose tipiche delle stringhe secche.

Sensazioni all’utilizzo

Sento la strada….

Questa è il pensiero che mi pervade ai primi passo di corsa con la GK20. Scordiamoci la sensazione di distacco dal terreno delle A4 vecchio stampo.

I nuovi polimeri della suola della GK20 assicurano ammortizzazione e stabilità con minimi spessori portando il runner a sentire il suolo come fino a poco tempo fa si poteva fare solo con calzature da gara o allenamento veloce

La GK20 ben si presta ad assecondare il runner sia durante le fasi di scorsa dinamica ed in buona spinta sia nelle fasi di corsa meno brillante quando la stanchezza muscolare porta il runner a dover gestire la cosiddetta “corsa del morto”. In questo caso il piede è ben supportato dalle forme e dai materiali della GK20 con l’obbiettivo di limitare i sovraccarichi ed i relativi possibili infortuni

Ottima è la fase di transizione grazie anche al sempre ottimo sistema “Guidance” (presente sulla GK20 come sulla GK19). Il drop 10 mm favorisce un buon appoggio di mezzo piede.

E’ questa la nuova strada tracciata dalla GK20. Un concetto di antipronazioni che pur allontanandosi (…ancor di più rispetto alla GK19) dalle esigenze del forte pronatore va incontro al pronatore leggero in cerca di quella stabilità “latente” che aiuti quando serve.

Stiamo forse assistendo alla nascita di un nuovo filone : le A3 Supportate?!… Le scarpe da gara per la 100km?!

A parte il “fantarunningshoes”, mi sento di identificare la GK20 come una grande calzatura per i mangiatori di km. L’ideale compagna nelle lunghe uscite.

Oppure ,perché no, la fedele compagna del runner amatore che volendosi cimentare nelle 50 o 100km troverà impagabile la miscela di facilità di corsa e supporto insite nella GK20
facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti