You are now being logged in using your Facebook credentials
Roccella Jonica Americana 2014 Mor Seck Ancora grande spettacolo per la 9^ edizione della “Americana”, 13° Memorial Mimmo Lombardo, che si è tenuta a Roccella Jonica nella sera di martedì 5 agosto, sul suggestivo lungomare di questa cittadina calabrese, vera e propria perla turistica della costa jonica e della Calabria intera. L’idea di questa singolare gara a eliminazione, su un circuito di 750m, da ripetersi per ben 13 volte, è del gruppo “Nati per correre – promozione running” che, con il supporto dell’A.I.C.S. di Catanzaro, della FIDAL Calabria e del Comune di Roccella Jonica, ha allestito una tipologia di gara che, in Italia, sta appassionando sempre tutto il pubblico degli appassionati di running. Una corsa altamente spettacolare che, giro dopo giro, ha visto l’eliminazione progressiva degli atleti. Il primo giro corso ad andatura controllata attorno a 4'30 e poi, via alle eliminazioni: giro di recupero ed eliminazione. I quattro atleti giunti al giro conclusivo, a giocarsi la vittoria finale, sono stati Mor Seck; William Kibor, recente vincitore ad Isernia dei campionati assoluti di 10km; il siciliano dell’Aeronautica, Giuseppe Gerratana; e l’altro keniano, Bernard Chumba.

 

L’uomo da battere e favorito numero uno, era Mor Seck. L’atleta senegalese, vincitore delle ultime tre edizioni, il 15 luglio scorso, a Trento, ha stabilito il nuovo record nazionale senegalese sulla distanza dei 1500 m. correndo in 3’38’’88; il primo atleta del suo paese in grado di scendere sotto il muro dei 3’40’’. E con tale prestazione si è assicurato il minimo per partecipare ai Campionati del Mondo di Pechino 2015.

Tra i suoi diretti avversari c’era l’italo – marocchino, Abdellah Haidane, che ha corso bene, resistendo fino al penultimo giro, ma all’ultima tornata eliminatoria, ha dovuto alzare bandiera bianca. Buona, comunque, “Questa attività di tipo lattacido”, ha dichiarato il suo allenatore, Giorgio Rondelli. “Gli sarà utile - prosegue Rondelli - per le gare di settembre”.


Del nutrito gruppo dei keniani, che si confermano atleti non particolarmente adatti a gare come l’Americana, ha brillato, come da previsione, William Kibor.


Alla fine l'ha spuntata, ancora, Mor Seck, che ha fatto valere il suo finale da mezzofondista veloce. Dietro di lui un ottimo Giuseppe Gerratana, azzurro dell’Aeronautica ed il keniano Kibor.
Mor Seck, dopo la quarta vittoria consecutiva ha dichiarato: “Ormai la “Americana” di Roccella Jonica rappresenta una tappa importante della mia preparazione per le gare di settembre. Ora punterò a fare bene ai meeting di Rieti e Rovereto, provando ancora a migliorare il mio personale sul 1500m. fatto di recente e che mi ha fatto staccare il biglietto per i Campionati Mondiali di Pechino del prossimo anno. Devo un grande ringraziamento a tutta la comunità roccellese che, ogni anno, mi manifesta grande affetto e mi incita, trascinandomi alla vittoria”.





facebook2 youtube2  googleplus33 instagram rss 

Classifiche recenti

There are not feed items to display.
  • Check if RSS URL is online
  • Check if RSS contains items

Login Redazione

 

Foto Recenti